Bioginnastica Associazione ha sperimentato la metodologia Bioginnastica® nel campo oncologico, con donne operate di tumore al seno, realtà in cui psiche, corpo ed emozioni si esprimono in un profondo dolore e sofferenza.
La ricerca preliminare, svolta in collaborazione con l’Associazione “Il seno di Poi”, si è posta l’obiettivo di verificare l’efficacia di Bioginnastica® sulla qualità di vita di donne che hanno sviluppato un carcinoma al seno.
Sono state coinvolte 13 donne che hanno partecipato a 24 lezioni di Bioginnastica per 3 mesi. Il gruppo ha svolto un’analisi posturale (con dispositivo GPS 400) e un Questionario autovalutativo per comprendere sintomi fisici, emozionali e sociali (EORT-QLQ C-30, versione BR-23).
I risultati hanno mostrato valori positivi da un punto di vista sia emozionale sia posturale, e una miglior percezione della propria qualità di vita.
Il corpo, infatti, è una struttura unita nel presente e l’interrelazione tra sistema nervoso e parti del corpo assumono un ruolo fondamentale per l’omeostasi e l’equilibrio psicofisico.
Patologia-Tumorale-al-Seno
Boginnastica-e-Seno
Dal punto di vista posturale è emerso un miglioramento dell’asse centrale del corpo, con riduzione della rotazione del piano scapolare che influisce sulle tensioni dorso-cervicali e sulla postura globale. Si è quindi riscontrato un maggior equilibrio psico-fisico che implica miglior distribuzione dei carichi corporei, che influiscono sulla mobilità articolare.
Allo stesso tempo, anche gli aspetti della sfera emotiva, sociale e corporea sono migliorati, testimoniando una miglior qualità di vita. In particolare è diminuita la percezione dei sintomi legati al tumore (costipazione, insonnia), in specifico alla patologia al seno (dolore al braccio e al seno) e i sintomi legati agli effetti collaterali della chemioterapia.
È migliorata anche la percezione della prospettiva futura, a dimostrazione del fatto che queste donne hanno ri-scoperto un nuovo senso del proprio corpo: hanno potuto entrare in contatto e dialogare col corpo, attraverso l’ascolto non solo delle tensioni e dolori, ma anche delle sensazioni, percezioni ed emozioni, ritrovando armonia nella libertà del proprio intimo movimento fisico ed emotivo.
Il corpo è quindi il nostro strumento di movimento fisico ed emozionale, di esperienza quotidiana che nella sua forma e postura esprime la nostra realtà psicofisica, ovvero l’elaborazione di sé come risposta all’esperienza.